Forum ECM Cernobbio 2011: dite la vostra!

Prendo spunto dal  post  pubblicato dal collega L.A. che scrive:

La nostra agenzia non è stata presente a Cernobbio, ma in conclusione, a parte le probabili VISITE ISPETTIVE ed i famigerati controlli sulla documentazione, cos’altro c’è stato di interessante da menzionare? Probabili nuove iniziative? Accenni a qualche azione correttiva? In definitiva, ci riassumete qualcosa di interessante? Grazie anticipatamente ai voi colleghi.

Invito tutti i colleghi presenti a Cernobbio a mettere in comune le loro impressioni ed opinioni su questi due giorni.   

Come ho già scritto nell’articolo “La Costruzione di una Rete Armonica di Interessi  e responsabilità…. DEI PROVIDER” le mie conclusioni sono purtroppo negative.

Un’occasione mancata. Una comunicazione a senso unico, con poco spazio dedicato all’ascolto delle nostre problematiche e alcune affermazioni che hanno creato ulteriore confusione piuttosto che chiarirci le idee.

Un piccolo esempio? E’ venuto fuori che, per alleggerire il nostro lavoro, non è necessario richiedere la Dichiarazione sulle Fonti di Finanziamento a chi non ha ricevuto compensi dalle Aziende del settore sanitario.

Alla domanda venuta dal pubblico “ma se non ci resta niente in mano come facciamo a dimostrare che noi la richiesta al Relatore l’abbiamo fatta?” la risposta ci ha lasciato perplessi: “in ogni caso è una responsabilità del relatore che, tra l’altro, dovrebbe inserire questa informazione nel suo curriculum”.

Ho capito male o mi sono perso qualcosa???

In sintesi, io le cose le ho viste così. Forse sono troppo negativo?

A BENEFICIO DI TUTTI, DITE LA VOSTRA!

Annunci

4 pensieri su “Forum ECM Cernobbio 2011: dite la vostra!

  1. Carissimi,
    anch’io sono tornata da Cernobbio delusa.
    Per me era la prima volta e sono andata carica di aspettative e di entusiasmo.
    La sessione La voce dei Provider, quella per noi indubbiamente più interessante, si è ridotta a poca e brevissima cosa. Lo sbaglio dell’aula scelta troppo piccola poi è stato clamoroso: io l’ho vissuto come un non rendersi conto di quanta necessità avessero – e abbiano – i provider, di avere risposte e conferme. Il trasferimento in aula plenaria non solo ha fatto perdere tempo, ma mi sembra abbia sviato dalla sessione, che infatti si è interrotta, poco dopo dando il tempo solo a 3 o 4 domande. Sono tornata a casa esattamente come sono partita. Anche le persone presenti trasmettevano ansia e tensione. Peccato! Peccato anche non esserci trovati, come proposto, tra di noi. Uno scambio di idee ci avrebbe fatto soltanto bene.Daniela

  2. Ciao a tutti,

    sono stato a Cernobbio la giornata di Martedì ed ho trovato la solita disorganizzazione.
    La novità di quest’anno è che si è aggiunta l’arroganza, quindi il mio punto di vista è questo:

    1) non sapendo bene come gestire l’argomento ci lasciano fare per vedere cosa succede
    2) tolgono un pò di burocrazia (meno male)
    3) ognuno si prende la responsabilità delle proprie azioni
    4) se qualcosa non va se ne parla con la commissione per sistemare le cose senza sanzioni

    Conclusione: non ci complichiamo la vita se mancano informazioni e limitiamoci ad interpretare quelle che ci hanno messo a disposizione.

    Buon lavoro a tutti,
    Federico

  3. Ciao a tutti! Io a cernobbio non cis ono stata ma a quant pare ne sarei uscita un pò confusa! Noi abbiamo un pò di confusione su ciò che riguarda i contratti di sponsorizzazione. Ci troviamo nella seguente situazione: noi siamo i provider, poi c’è una società scientifica non accreditata (che dovrebbe, credo, risultare nostro partner)che incassa per proprio conto le quote d’iscrizione e le eventuali quote di alcuni sponsor e che si anche occupato di contattare l’hotel presso cui si svolgerà il corso(è la società scientifica stessa che pagherà l’hotel). Infine noi (provider) fatturiamo le nostre competenze alla società scientifica. Ho chiamato il call center e mi hanno detto che si pu fare, l’importante è scrivere tutto in maniera chiara sul contratto. Certo a me piacerebbe che ci fossero delle norme scritte a cui poter fare riferimento. Forse esistono e non le ho trovate? Fatemi sapere cosa ne pensate…la grande paura è di cadere in errore nonostante tutta la nostra buona volontà di fare il nostro meglio! Grazie Nancy

  4. Ciao a tutti! Io a cernobbio non cis ono stata ma a quant pare ne sarei uscita un pò confusa! Noi abbiamo un pò di confusione su ciò che riguarda i contratti di sponsorizzazione. Ci troviamo nella seguente situazione: noi siamo i provider, poi c’è una società scientifica non accreditata (che dovrebbe, credo, risultare nostro partner)che incassa per proprio conto le quote d’iscrizione e le eventuali quote di alcuni sponsor e che si anche occupato di contattare l’hotel presso cui si svolgerà il corso(è la società scientifica stessa che pagherà l’hotel). Infine noi (provider) fatturiamo le nostre competenze alla società scientifica. Ho chiamato il call center e mi hanno detto che si pu fare, l’importante è scrivere tutto in maniera chiara sul contratto. Certo a me piacerebbe che ci fossero delle norme scritte a cui poter fare riferimento. Forse esistono e non le ho trovate? Fatemi sapere cosa ne pensate…la grande paura è di cadere in errore nonostante tutta la nostra buona volontà di fare il nostro meglio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...