Costi della FAD: qual è la tua opinione?

Al Forum di Cernobbio 2011 il dott. Vigneri, nel suo intervento sullo stato dell’arte dell’offerta formativa, sottolineava la scarsa presenza di corsi FAD ed auspicava una loro implementazione.

Dai commenti dei colleghi mi sembra che uno dei punti critici per lo sviluppo della FAD sia sicuramente l’elevato costo della Tassa ECM.

Siamo tutti consapevoli che la FAD ha di per sè elevati costi di start-up legati alla fase progettuale ma, probabilmente, uno sgravio sulla tassa aiuterebbe.

In quest’ottica vorremmo farci portavoce attraverso questo Blog di un’istanza di revisione, presso la Commissione Nazionale Ecm, dell‘importo di questa tassa al fine di favorire la tanta auspicata implementazione di progetti FAD.

Prima di procedere con un’istanza formale vorremmo, come si suol dire, “tastare il polso degli operatori” e capire se il costo della tassa Ecm per la FAD sia una problematica realmente condivisa.

Vi chiediamo quindi di rispondere a questo breve sondaggio con tre semplici click (ad ogni domanda, una volta effettuata la scelta, occorre cliccare su “Vote” per rendere attivo il proprio voto. Cliccando su “View results” sarà possibile visualizzare in tempo reale l’andamento delle votazioni. La votazione è assolutamente anonima):

*CNFC = Commissione Nazionale per la Formazione Continua

Annunci

4 pensieri su “Costi della FAD: qual è la tua opinione?

  1. Il problema è solo in piccola parte l’importo del contributo agenas; quello che è assolutamente carente è il sistema di promozione dei prodotti; ovviamente non spetta alla CNFC promuovere direttamente ma sarebbe di grande aiuto una sua campagna volta a sostenere l’opzione FAD …… nonchè fornire dati quantitativi del fabbisogno per categorie professionali.
    Forse sarebbe utile chiedere come rete piccoli provider privati un sostegno alla implementazione di un’attività di marketing della FAD a livello nazionale che avvantaggi non il singolo ma il sistema.

  2. Buongirono a tutti. Il mio esordio-contributo è questo: maledetta FAD!!!!
    In questi ultimi anni sono proliferati ” i profeti delle FAD”, coloro cioè che fino a qualche giorno prima facevano tutt’altro nella vita e, per alcuni arcani misteri, imporvvisamente sono divenuti esperti della formazione.
    Peccato che c’è qualcuno che lavora da trent’anni sulal formazione e le ha viste veramente tutte. Dalla Learning Organisation alle Imprese come Culture, dalla Flat Organisation all’Empowerment, dall’Approccio sulle Competenze al Change Mangement: e fermiamoci qui!
    Nei primi anni ’90 abbiamo assistito al boom del “Far Web” dove le azioni di Tiscali valevano più di quelle di Fiat, dove se non aprivi un portale eri un demente e se non facevi l’E-Learning eri un troglodita. Aziende molto importanti hanno fatto investimenti impressionanti nell’acquisto di piattaforme constatando, dopo poco , di aver buttato soldi senza praticamente ritorni.
    Allora qualcuno, sempre quelli più ntelligenti e preparati, a scoperto la possibilità dei sitemi iridi, o misti che dir si voglia.
    Il punto di partenza resta e retserà sempre quello dell Competenze e ci sono competenze che NON possono essere sviluppate ocn la FAD!!! E sfido chiuque a dimostrare il contrario!!
    L’utilizzo delel FAD nell’ECM è strumentale, per usare eufemismo, e risponde nella gran parte dei casi alla logica del “creditificio” e non dello sviluppo di competenze!!!
    E’ una triste realtà della quale bisogna prendere atto, altro che implementare!!!
    Sarà il caso che questi soloni o nuovi guru della formazione facciano un po’ di autocritica e si vadanoi a vedere, ad esempio, le percentuali impressionanti degli abbandoni on line!!!!

    1. Parole sante quelle di maurizio ….. ” L’utilizzo delel FAD nell’ECM è strumentale, per usare eufemismo, e risponde nella gran parte dei casi alla logica del “creditificio” e non dello sviluppo di competenze!!! ” …..

      Condividiamo PIANAMENTE.

      FAD = acquisizione di facile crediti formativi.

      Anche se i costi della tassa solo elevati, consideriamo anche i buoni profitti per i provider propinano i soliti materiali sotto varie forme a costo praticamente nullo.

      …. forse ho semplificato e generalizzato troppo …. ma un fondo di verità c’è !!!

  3. Chiedo scusa ma che centrano i prodotti? Capisco che per molti geni del markenting farmaceutico la FAD sia l’unica idea originale che riescono a pensare e mettere in campo.
    Del resto che importa se le diverse categorie professionali esprimono dei bisogni profondi che potrebbero far nacscere dell progettualità importanti ed interessanti, sia per lo sviluppo delle competenze che per il rafforzamento del servizio al cittadino. Facciamo tutti la FAD così un’azienda, che natualmente e la sola a perseguire questa strada, si differenzia moltissimo sul mercato!!!!!! Molto originale!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...